VACCINARSI? É UN DOVERE

Home News & Eventi Dicono di noi
22 Ott 2015

22 Ott 2015
Vaccinarsi? É un dovere
Articolo metro vaccinazione
Intervista al Direttore Generale di Amref - Githinjii Gitahi - su migrazione e vaccinazione, a cura di METRO.

METRO NEWS - ROMA. «Continuare a diffondere la cultura del vaccino come grandiosa arma di prevenzione». Questo abbiamo l’obbligo di fare nel mondo occidentale e in quello in via di sviluppo secondo Githinji Gitahi. Kenyota, «medico e manger insieme», come lui stesso ci sottolinea, Gitahi è il neo amministratore delegato di Amref Health Africa, la più grande organizzazione sanitaria no profit presente in Africa. Metro lo ha incontrato a Roma e con lui ha parlato di vaccini e di migranti...

La copertura vaccinale in in Italia è al limite della soglia di sicurezza...

Questa tendenza esiste in tutto il mondo: determinante è stata una certa parte della letteratura scientifica che ha messo in evidenza gli effetti collaterali delle vaccinazioni. Secondo, è sempre più diffusa la convinzione che certe malattie siano ormai contraibili solo in contesti di scarsa igiene: la gente tende a fidarsi di questo benessere generalizzato, senza pensare che non vaccinandoci potremmo avere delle ricadute.
Quindi?

Sulle vaccinazioni bisogna insistere, insistere e insistere.
Quali le urgenze in Africa?

Oggi, in molti Paesi le vaccinazioni sono ben accette. Quelle base sono gratuite per i bambini nel 90% dei Paesi africani, i cui governi portano avanti un importante programma di eradicazione di malattie come tetano, tubercolosi e difterite. Tuttavia, mancano i vaccini per molte altre malattie gravi, come la meningite o la polmonite. Due soli Paesi le hanno incluse nel programma di immunizzazione. Quindi c’è ancora un bisogno enorme di vaccini. Siamo al 75% di copertura di media. In Paesi come il Ciad o il Sud Sudan i numeri sono ben diversi. La Nigeria è l’unico Paese dove la poliomelite è ancora endemica…
Perché ci sono ancora 30 milioni di bambini non immunizzati nel mondo?

La diffusione e la penetrazione dei vaccini ha molto a che fare con la stabilità e la pace. Se non c’è stabilità non si possono garantire le forniture mediche necessarie. C’è inoltre un bisogno continuo di educare i genitori alla cultura vaccinale. Altro problema, l’accesso alle cure mediche. Non tutti le hanno garantite.
Parliamo di migranti: molte persone arrivano nel nostro Paese da Paesi in cui scarseggia la copertura vaccinale, questo è un rischio per la nostra comunità?
I migranti non portano malattie. Chi affronta viaggi come quelli è normalmente un soggetto sano. Qualora vi fosse qualcuno infetto, sarebbe comunque facile isolare subito la malattia. Il vero rischio sono le condizioni in cui sono costretti a vivere quando arrivano in Europa o in Italia.
La prima cosa che l’Europa dovrebbe fare per l’immigrazione?

I governi Ue devono garantire a coloro che sono arrivati l’accesso alle cure sanitarie.


UGANDA: VACCINIAMO I BAMBINI




Iscriviti alla nostra newsletter
Consenso al trattamento dei dati personali
Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso la presente informativa sul trattamento dei miei Dati Personali da parte di AMREF e di prestare a AMREF il mio consenso (che potrà in ogni caso successivamente revocare) all'utilizzo dei miei dati personali per:




ISCRIVITI
Amref Health Africa