MIGRAZIONE E TEATRO: IN VIAGGIO CON ENEA

12 Apr 2017
12 Apr 2017

Migrazione e teatro: in viaggio con Enea

  • teat
  • labor
  • lab3
  • lab2
teat
Al via il progetto MigrArti del MiBACT che vede il Teatro di Roma capofila dell’iniziativa realizzata in partenariato con l’Associazione Liberi Nantes e Amref Health Africa Italia.

Il Teatro di Roma parte con ENEA IN VIAGGIO, progetto vincitore del Bando MigrArti 2017 del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), realizzato in partenariato con l’Associazione Liberi Nantes e Amref Health Africa – Italia, e in collaborazione con Fondazione Erri De Luca, Ass. K_Alma, Ass. Parsec, Ass. TiPiAttIVi, Comitato Collina di Pietralata, Italia che cambia, Coop Soc Eureka I e Coop CivicoZero.
Enea in viaggio si propone come esperimento di intervento artistico e culturale in territori dove risulta complesso il rapporto fra popolazione residente e migranti. L’intento è quello di indagare il tema del viaggio ripercorrendo e contestualizzando il mito di Enea attraverso un percorso di teatro integrato. Un incontro di forte prossimità tra artisti, migranti e cittadini, che utilizza il linguaggio teatrale per favorire processi di integrazione e per incoraggiare una nuova e reciproca conoscenza.

Il progetto si articola in tre fasi.
Nei mesi di aprile e maggio, una prima fase di formazione laboratoriale coinvolge 14 attori allievi della Scuola del Teatro di Roma e 15 giovani migranti dell’Associazione Liberi Nantes, guidati da Emanuela Giordano sul tema del viaggio nelle sue diverse declinazioni e sulle forme della narrazione corale. Programmati 8 incontri fra migranti, attori, cittadini e scuole, presso le sale di Argentina e India.

Nel mese di giugno, il Teatro arriva in Città con un vero e proprio camion-palcoscenico: 9 giornate di performance e laboratorio aperto a Tor Bella Monaca, Quarticciolo e Pietralata. Gruppi operativi composti da un attore, cinque migranti e una formatrice/attrice, approdano nelle piazze delle tre periferie cittadine, contesti investiti dalla complessità del fenomeno migratorio. Così, il camion-palcoscenico si apre alla cittadinanza presentando e riproponendo i risultati del lavoro elaborato nella prima fase del progetto, presidiando ogni quartiere con 3 giorni di laboratori di teatro integrato fra residenti, attori e migranti.

Il 9 luglio la Città arriva in Teatro. Non è più il teatro a viaggiare in città, ma è la città ad essere chiamata in teatro: mediante una call aperta si invitano i cittadini di Roma a salire sul palcoscenico del Teatro Argentina per partecipare all’Atelier dei 200, una giornata/laboratorio che porterà ad una inedita performance collettiva con 200 partecipanti in scena.

L’iniziativa si affianca allo spettacolo IL VIAGGIO DI ENEA, riscrittura moderna del drammaturgo canadese Olivier Kemeid, per la regia di Emanuela Giordano, in scena dal 26 aprile al 7 maggio al Teatro Argentina, una produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale e Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano.



Iscriviti alla nostra newsletter

ISCRIVITI