MIGRANTI-PORTI ITALIANI CHIUSI. AMREF: I DIRITTI AL PRIMO POSTO

11 Giu 2018

11 Giu 2018
Migranti-porti italiani chiusi. Amref: i diritti al primo posto
Confine
«Chiudere i porti pone l'Italia al di fuori di ogni convenzione internazionale sul salvataggio delle persone e sul rispetto dei diritti umani - ha dichiarato Guglielmo Micucci, direttore di Amref Italia - . Per noi i diritti devono essere al primo posto. Ci stupisce che il ministro Salvini parli di un "enorme campo profughi" perché i dati sugli sbarchi dimostrano che i numeri non sono affatto quelli di un'invasione e che l'Italia avrebbe le possibilità, insieme all'Europa, di accogliere le persone in tutta sicurezza, ad esempio attraverso i corridoi umanitari. Se salvare le vite è un dovere, come ha giustamente proclamato il ministro degli Interni, allora è anche un dovere farlo nel modo più efficace e sicuro possibile»



Altre informazioni correlate



Iscriviti alla nostra newsletter
Consenso al trattamento dei dati personali
Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso la presente informativa sul trattamento dei miei Dati Personali da parte di AMREF e di prestare a AMREF il mio consenso (che potrà in ogni caso successivamente revocare) all'utilizzo dei miei dati personali per:




ISCRIVITI
Amref Health Africa