Il progetto lavora per ridurre il numero di bambini sotto i 5 anni in condizioni di insicurezza alimentare attraverso la creazione di mezzi di sussistenza sostenibili, volti a proteggere le risorse produttive.

In Kenya, 23 contee sono particolarmente soggette alla siccità, che favorisce la diffusione di malattie e quindi fa aumentare la vulnerabilità alla malnutrizione. Nella contea di Isiolo, la pastorizia e l'agricoltura costituiscono la principale attività degli abitanti.

A livello comunitario però è scarsa la padronanza delle conoscenze sulla corretta e sicura alimentazione dei bambini e sui meccanismi di trasmissione delle malattie zoonotiche (malattie infettive che si originano negli animali e poi passano all'uomo) e per quanto riguarda la manipolazione, la trasformazione e la conservazione dei prodotti di origine animale (carne, latte, pelli).

A partire dalla stretta connessione tra persone, ambiente e animali, questa vulnerabilità viene affrontata attraverso un approccio multisettoriale One Health, che si propone di integrare la salute umana, la salute degli animali e gli interventi ambientali.

Il progetto contribuisce a creare una maggiore resilienza alla siccità e ad altri impatti negativi del cambiamento climatico nei confronti dei gruppi vulnerabili della zona.

Risultati attesi

  • Miglioramento della resistenza alla siccità e della produzione agricola e zootecnica.
  • Costruzione in modo sostenibile dei principali beni produttivi delle famiglie e degli investimenti della comunità.
  • Capacità di recupero contro le ricorrenti siccità rafforzate, con particolare attenzione all'empowerment economico delle donne.
Grazie al sostegno di: