Il progetto si propone di migliorare l'accesso e il coordinamento dei servizi di salute umana e animale e allo stesso tempo migliorare i sistemi di allarme rapido e di risposta di fronte a eventi pericolosi che potrebbero mettere a rischio la salute delle comunità di pastori della zona.

La pastorizia e l'agricoltura costituiscono la principale attività degli abitanti della zona di North Horr, in Kenya. La vita nomade e l'area remota limitano l'accesso ai servizi essenziali per la salute: 40% dei bambini è vaccinato e 14% delle donne partorisce in una struttura sanitaria. 

Le comunità soffrono per la scarsa presenza di infrastrutture sanitarie e per la bassa qualità dell'erogazione dei servizi. Inoltre è fondamentale che gli animali siano perfettamente sani per essere fonte di cibo o di reddito, ma le carestie e le epidemie provocate dai cambiamenti climatici stanno mettendo a dura prova la salute del bestiame. Se l'animale si ammala, contagia tutti coloro che ha intorno. Le zoonosi, in particolare brucellosi, rabbia, antrace e febbre della Rift Valley, sono molto diffuse. 

A partire dalla stretta connessione tra persone, ambiente e animali, questa vulnerabilità viene affrontata attraverso un approccio multisettoriale One Health, che si propone di integrare la salute umana, la salute degli animali e gli interventi ambientali.

Risultati attesi

  • Miglioramento dell'accesso, della consultazione e del coordinamento dei servizi sanitari e veterinari per le comunità pastorali e il loro bestiame.
  • Aumento della consapevolezza delle comunità pastorali sulle buone pratiche igieniche, sui rischi di trasmissione della zoonosi da animale a uomo e sulle misure comuni di prevenzione.
  • Le capacità di risparmio delle famiglie saranno diversificate e la loro vulnerabilità economica a causa delle spese sanitarie e veterinarie ridotta.
  • Miglioramento dei processi decisionali e delle azioni di risposta rapida ai cambiamenti climatici, attraverso l'integrazione delle conoscenze tradizionali in materia ambientale con strumenti scientifico-tecnologici sostenibili.
Grazie al sostegno di: