Utilizzando le lezioni apprese dai progetti precedenti, Amref ha sviluppato il progetto Erripo Oontoyie (Project Girls) per raggiungere tutte le comunità della contea di Kajiado e porre fine alle mutilazioni genitali femminili.

Nelle contee di Samburu e Narok, le ragazze Maasai subiscono la circoncisione tra i 12 e i 16 anni, ma vengono segnalati casi di ragazze sempre più giovani. Il rischio di sposarsi e rimanere incinta prima dei 18 anni è altissimo: questa situazione costringe le ragazze a lasciare la scuola molto presto, spazzando così i sogni di essere economicamente indipendenti in futuro. 

Nella contea del Kajiado, la prevalenza delle mutilazioni genitali femminili è al 55%, mentre a Narok 4 ragazze su 5 subiscono il taglio.

Erripo Oontoyie è un programma integrato che lotta contro le mutilazioni attraverso interventi comunitari, interventi volti a garantire acqua sicura e pulita e volti a rafforzare la mancanza di servizi igienici.  A Kajiado e Narok infatti le donne e le ragazze camminano più di 5 km per raggiungere la fonte d'acqua più vicina: il tempo non è sufficiente per riuscire anche a frequentare la scuola. In aggiunta, durante i giorni del ciclo, le ragazze rimangono a casa a causa della mancanza di servizi igienici sicuri nelle scuole e della paura di essere ridicolizzate dai coetanei.

Gli obiettivi del progetto

  • Promuovere un cambiamento attitudinale nei membri decisori delle comunità nei confronti delle mutilazioni genitali e dei matrimoni precoci e forzati.
  • Formare i ragazzi e le ragazze adolescenti sulle tematiche di salute sessuale riproduttiva e sostenuti nella rivendicazione dei loro diritti.
  • Sviluppare insieme ai responsabili politici leggi e normative per porre fine alla pratica delle mutilazioni.