GIORNATA MONDIALE MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI 6/2

04 Feb 2015

04 Feb 2015
Giornata Mondiale Mutilazioni Genitali Femminili 6/2
Donne africane
"In occasione della Giornata Mondiale contro le Mutilazioni Genitali Femminili - 6 Febbraio - Amref Health Africa propone i Riti di Passaggio Alternativi, che in Kenya e Tanzania hanno già salvato migliaia di ragazze.
Nel mondo sono 100 milioni le bambine e le ragazze che hanno subito la pratica delle mutilazioni genitali. Il 90% in Africa, secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Dal 20 Dicembre 2012 l'ONU, con una risoluzione approvata all'unanimità, ha dichiarato la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili. Molte le ragazze che ogni anno vengono mutilate: circa 3milioni in Africa. In Europa, secondo il Parlamento Europeo, sono 500mila le donne che convivono con le mutilazioni genitali. Amref Health Africa - in occasione della Giornata Mondiale contro le Mutilazioni Femminili (6 Febbraio) - promuove i Riti di Passaggio Alternativi, che in pochi anni hanno salvato oltre 4mila ragazze.
Egitto, Sudan, Mali, Kenya, Tanzania sono questi i Paesi africani maggiormente colpiti, dove le mutilazioni genitali femminili continuano ad avere un effetto devastante sul corpo, sui diritti e sul resto della vita di troppe ragazze. "Molti Paesi hanno formalmente proibito la pratica delle mutilazioni delle ragazze - afferma Tommy Simmons, fondatore della sezione italiana di Amref Health Africa, ritornato da poco dal Kenya - ma quando vanno ad incidere su usi e costumi tradizionali, molto radicati nell'identità stessa delle tribù, le leggi hanno un impatto molto moderato".
In molte comunità tale pratica viene fortemente sostenuta sia dagli uomini che dalle donne, in quanto rappresenta formalmente il passaggio alla maturità delle ragazze e si ritiene dia loro un senso di orgoglio e di piena partecipazione adulta alla loro società. In realtà, questo rito di passaggio nell'immediato causa una ferita dolorosa ed insanabile nel corpo delle ragazze, spesso provocando altre ripetute e gravi conseguenze negli anni, con ogni gravidanza e parto, e nei fatti le rende elegibili al matrimonio ad una giovane età, creando la percezione dell'inutilità della loro educazione e della possibilità di mirare ad un futuro diverso da quello delle proprie madri. Tale pratica oltre a mutilare il corpo delle ragazze mutila anche le loro aspirazioni e la possibilità di partecipare in modo paritario e costruttivo alla crescita della loro società.
"L'unico modo sostenibile per eliminare questa molteplice amputazione dalla vita è di lavorare su più fronti" continua Simmons "con le etnie dove la tradizione è più radicata ed identificare insieme a loro riti di passaggio alternativi che permettano il rispetto formale delle tradizioni che necessitano di un atto formale, per sancire il passaggio alla maturità dei giovani, eliminando del tutto la violenza delle mutilazioni". L'alternativa ai singoli elementi dei riti tradizionali può essere sviluppata e consolidata solo grazie all'apporto di una leadership locale più "illuminata".
Grazie a questo approccio, e a quasi 60 anni di lavoro per e con le comunità africane più bisognose, Amref Health Africa negli ultimi anni ha sviluppato Riti di Passaggio Alternativi con e per diverse comunità Masai in Kenya ed in Tanzania che ad oggi hanno permesso a più di 4.000 ragazze di evitare la mutilazione genitale grazie alla rinuncia al rito di otto comunità locali e al sostegno formale di oltre 350 leader locali, che hanno denunciato pubblicamente una tradizione che oltre a ledere terribilmente le singole ragazze rappresenta un freno per la crescita di tutta la comunità, per via del perdurare dell'analfabetismo e gli alti tassi di mortalità materna in parte dovuti anche al gran numero di matrimoni e di gravidanze molto, molto precoci.
Anno dopo anno i riti alternativi si stanno diffondendo tra la più ampia comunità Masai, seppure con forti resistenze, in particolare nelle zone più marginali e con meno strutture scolastiche e religiose, ma, afferma Simmons "laddove vengono praticati, in un breve periodo i riti alternativi hanno portato ad un marcato incremento della frequenza degli ultimi anni della scuola primaria e della scuola secondaria da parte delle ragazze locali, segnando così un visibile calo nel numero di matrimoni delle giovani e un incremento nei tassi di alfabetizzazione - e di crescita sociale e di speranza - delle ragazze". Simmons ricorda che nel rito finale della cerimonia le bambine cantano "spegniamo il fuoco delle mutilazioni, accendiamo la lampada dell'educaizone".
"Con le mie riprese video, realizzate a metà dello scorso dicembre in una comunità Masai, ai confini tra Kenya e Tanzania, Amref Health Africa mostra la grande partecipazione di una comunità ai riti di passaggio alternativi alle mutilazioni genitali e l'impegno e i volti pieni di speranza delle, a volte molto giovani ragazze, se non bambine, che vi hanno partecipato. Anche le tradizioni più radicate della cultura di un popolo possono essere modificati, quando chiaramente lesivi dei diritti, la dignità e il futuro dei singoli, sempre che questo popolo venga coinvolto nella soluzione" conclude Tommy Simmons."



Altre informazioni correlate



Iscriviti alla nostra newsletter
Consenso al trattamento dei dati personali
Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso la presente informativa sul trattamento dei miei Dati Personali da parte di AMREF e di prestare a AMREF il mio consenso (che potrà in ogni caso successivamente revocare) all'utilizzo dei miei dati personali per:




ISCRIVITI
Amref Health Africa