IL GIRO D'ITALIA IN BICI, PER L'AFRICA

Home News & Eventi Blog
01 Giu 2018

01 Giu 2018
Il giro d'Italia in bici, per l'Africa
Giro Italia Antonella
"Ho preso una cartina dell'Italia e sto segnando i luoghi in cui ho ricevuto ospitalità. Mi viene la pelle d'oca. Siete tantissimi. Grazie davvero" commentava Antonella Gentile, qualche giorno prima dell'inizio della sua nuova avventura. L'1 giugno è partita da Molfetta per il giro d'Italia in bici. Partenza e ritorno a Molfetta, dopo un viaggio in molte regioni d'Italia. Oltre 60 tappe e due obiettivi e oltre 60 tappe Il primo obiettivo è raccogliere fondi per un libro che racconti il suo viaggio Roma-Capo Nord in bici. Secondo obiettivo, aiutare Amref nella sua lotta a favore delle donne e per l'acqua pulita in Africa.

La prima impresa di Antonella Gentile, si è svolta nel 2017, ha attraversato Italia, Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia. Parole chiave? Avventura e solidarietà - sempre a fianco di Amref - lungo 5000 chilometri, per arrivare a Capo Nord, sola con la sua bicicletta. Tra Capo Nord - il suo primo viaggio - e il suo prossimo viaggio internazionale, con meta la Cina, "ha piazzato" un giro d'Italia, partito dal Decathlon di Molfetta. L'appello di Antonella è rivolto a chi vuole organizzare degli eventi, durante il percorso lungo lo stivale, per raccontare il suo viaggio e a chi vuole aiutare Amref.

Un viaggio ricco di valore, dato da tutti gli incontri che farà e da uno scopo importante. Le distanze percorse da Antonella hanno l’obiettivo di accorciare quelle che dividono mamme e bambini in Kenya dalle fonti di acqua pulita, perché Antonella sostiene Amref e i suoi progetti in Kenya (link per donare).

Ancora oggi la causa principale di morte in Africa è la mancanza di acqua pulita. È impossibile immaginare come sarebbe la nostra vita senza una fonte sempre reperibile e sicura di acqua pura, come il rubinetto di casa.
 Ancora più impossibile è immaginare che quasi 500.000 piccole vite svaniscono nel momento stesso in cui bevono un sorso d'acqua. 
Purtroppo non esiste un modo delicato per dirlo, ma questo è il numero di bambini che muoiono ogni anno in Kenya a causa della mancanza di acqua pulita.

È una questione di sete, certo. Ma non solo. Nei Paesi come il Kenya, dove l'80% del territorio è spietatamente arido e gli effetti del cambiamento climatico non danno tregua, si muore non solo perchè la sete vince e si finisce col bere l'acqua sporca e contaminata. Si muore di malnutrizione perché le alluvioni alternate con i periodi di grave siccità distruggono raccolti e coltivazioni trascinando 3,4 milioni di persone in una grave condizione di insicurezza alimentare.

L'acqua o la mancanza di acqua conoscono molti modi per uccidere: tifo, colera, scabbia, tracoma. Ma l'arma preferita da questo killer implacabile è la diarrea. L'88% dei decessi per diarrea è dovuto all'acqua contaminata e alla mancanza di servizi igienici adeguati nelle scuole, dove i bambini africani più fortunati trascorrono gran parte della giornata.

Garantire fonti d'acqua pulita significa allontanare i bambini dalle fonti insicure e lontane; significa migliorare la loro alimentazione e combattere il tasso di malattie. Attraverso un maggiore accesso alle fonti di acqua pulita possiamo ridurre l'incidenza di malattie tra i bambini sotto i 5 anni di quasi il 50% e abbattere il tasso di mortalità
infantile del 20%.

Per questo Amref interviene ristrutturando due centri sanitari, garantendo anche l'accesso all'acqua pulita, e installando due cisterne che forniranno acqua a due scuole del Kitui. Senza acqua, i centri sanitari non sarebbero in grado di svolgere le loro attività di ambulatorio, pianificazione familiare, test e consulenza per l'HIV, parti e cure neonatali, prevenzione della trasmissione di AIDS ai neonati, cure pre- e post-natali, vaccinazioni. Senza acqua, i bambini delle scuole di Yitikisya e di Zombe sarebbero malnutriti, dovrebbero camminare ore per cercare acqua in zone impervie, pericolose.

Le tappe del giro d'Italia di Antonella. Puglia. Decathlon Molfetta, Barletta, Foggia, San Severo, Serracapriola. Molise. Termoli. Abruzzo. Lido di Casalbordino, Pescara, Montesilvano. Marche. San Benedetto del Tronto, Civitanova Marche, Ancona,Senigallia,Pesaro. Emilia Romagna. Rimini,Ravenna,Lido di Volano. Veneto. Chioggia,Venezia Mestre,Lido di Jesolo, Caorle. Friuli Venezia Giulia. Lignano Sabbiadoro,Udine, Casarsa,Brugnera. Veneto. Treviso Fiesso d'Artico,Padova, Vicenza,Verona,Legnago. Emilia Romagna. Ferrara,Bologna, Imola,Faenza. Toscana. Palazzuolo sul Senio, Firenze,San Gimignano,San Miniato,Siena,Buonconvento,San Quirico d'Orcia. Radicofani. Lazio. Acquapendente,Montefiascone,Vetralla,Roma,Cisterna di Latina,Terracina,Formia. Campania. Caserta,Benevento,Ariano Irpino. Puglia. Faeto,Barletta,Decathlon Molfetta.

Aiuta Antonella a trasformare i suoi chilometri in litri d’acqua con una donazione, riempiamo insieme le cisterne delle scuole che Amref supporta in Kenya!



Altre informazioni correlate



Iscriviti alla nostra newsletter
Consenso al trattamento dei dati personali
Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso la presente informativa sul trattamento dei miei Dati Personali da parte di AMREF e di prestare a AMREF il mio consenso (che potrà in ogni caso successivamente revocare) all'utilizzo dei miei dati personali per:




ISCRIVITI
Amref Health Africa