IL SUD SUDAN E GLI OSPEDALI ALLO STREMO

Home News & Eventi Blog
21 Giu 2017

21 Giu 2017
Il Sud Sudan e gli ospedali allo stremo
OspedaleYambio
La crisi politica, militare, economica e sociale del Sud Sudan sta toccando soprattutto le fasce più deboli della società - in primis le donne e i bambini. Quasi un terzo della popolazione del paese ha dovuto lasciare le proprie case per rifugiarsi oltre confine o in zone ritenute più sicure ma chi è rimasto patisce tutto l’impatto nefasto del conflitto (in)civile.

La sofferenzadel Sud Sudan è visibile soprattutto nei suoi ospedali (Video Ospedale Yambio)
che oramai sono in gran parte sguarniti di personale, farmaci e attrezzature basilari, anche nelle zone più stabili del paese. Un po’ ovunque tutti lamentano soprattutto la carenza di personale e di risorse:

Samson Baba, consigliere speciale del Ministro della Sanità: “Abbiamo calcolato che a questi ritmi ci metteremo 66 anni a formare il personale sanitario che ci serve.” “Quando abbiamo celebrato l’indipendenza del paese ci siamo resi conto che avevamo solo 8 osteriche qualificate. Ora ne abbiamo quasi 300, ma siamo ancora molto sotto alla soglia minima raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.”

Daniel Alphonse, Direttore Generale per la Sanità a Maridi: “Abbiamo una grossa carenza di personale. Il problema è che non ci sono soldi. Il nostro personale guadagna in media 300 pounds sudsudanesi al mese ma quando va al mercato per fare la spesa gliene servono 1.200 o 1.500. E’ normale che la gente lasci il posto di lavoro per andarsene a coltivare un orto per far andare avanti la famiglia.”

Ismahil Mohammed, Direttore Sanitario dell’Ospedale di Yambio
: “La quantità di personale sanitario è troppo limitata. E poi molti di loro oramai hanno lasciato il paese e chi è rimasto ha un tasso di motivazione bassissimo perché il governo non è in grado di pagarlo”.

Morrish Ojok, Direttore di Amref Health Africa in Sud Sudan: “Attualmente le agenzie delle Nazioni Unite non hanno ricevuto l’80% dei fondi necessari per far fronte alla crisi umanitaria. C’è un enorme carenza di risorse per far fronte alla crisi, soprattutto in termini dell’offerta dei servizi. Ne risentono soprattutto i servizi di salute materna ed infantile, l’accesso all’acqua pulita e all’igiene, ma anche i servizi clinici e diagnostici.”

Samuel Majak, Clinical Officer presso l’ospedale di Yambio: “La crisi ha peggiorato la situazione. Molta gente si è letteralmente data alla macchia e se malata non può neanche raggiungere gli ospedali. In molti stanno morendo di malattie curabili perché non possiamo raggiungerli. E quelli che sono scappati verso la città stanno congestionando l’ospedale e spesso non possiamo curarli perché le strade sono insicure e non abbiamo modo di fare arrivare i farmaci.”

Patrick Taban, Preside del Maridi Health Sciences Institute sostenuto da Amref Health Africa: “Ho il timore che non saremo in grado di continuare a formare personale sanitario. Il nostro istituto ha la capacità di ospitare 350 studenti. Oggi ne abbiamo 128 e i numeri continueranno a diminuire perché non ci sono fondi per far venire altri studenti. Il corso di gennaio non è partito e credo che anche per il semestre di giugno non potremo avviare un nuovo corso. A mano a mano che gli studenti attuali si diplomano la scuola si svuoterà.”

Tommy Simmons
Fondatore Amref Italia

VIDEO DALL'OSPEDALE DI YAMBIO
VIDEO DALL'OSPEDALE DI JUBA



Altre informazioni correlate



Iscriviti alla nostra newsletter
Consenso al trattamento dei dati personali
Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso la presente informativa sul trattamento dei miei Dati Personali da parte di AMREF e di prestare a AMREF il mio consenso (che potrà in ogni caso successivamente revocare) all'utilizzo dei miei dati personali per:




ISCRIVITI
Amref Health Africa