Il progetto vuole migliorare l'accesso ai servizi educativi di qualità per 450 bambini vulnerabili che vivono a Gullele, nella periferia di Addis Abeba, in Etiopia.

A Gullele il 20,9% dei bambini tra i 6 e i 17 anni non frequenta la scuola. La povertà è ovunque e intere famiglie non hanno di cosa vivere. In questo contesto di estrema povertà i bambini sono spesso spinti ad abbandonare la scuola per iniziare a lavorare o chiedere l'elemosina in strada.

Alcune attività previste

  • Fornitura di materiale didattico agli studenti (uniformi scolastiche, borse scolastiche, quaderni, penne, matite).
  • Organizzazione di 2 sessioni di formazione rivolte agli insegnanti delle scuole su come garantire un ambiente di apprendimento sicuro per i bambini.
  • Sostegno ai club scolastici, nei quali i bambini possono discutere e affrontare le preoccupazioni che vivono (rapporto con i loro genitori, accattonaggio, prospettive future).
  • Conduzione di visite a domicilio in collaborazione con lo staff della scuola e raccolta di dati sullo sviluppo o il miglioramento del bambino.
  • Supporto all'avvio di attività generatrici di reddito per i genitori, alternative all'elemosina.