SCOPRI AMREF

Home Chi siamo
  • Visita bambini in fila
  • Neonato con cordone ombelicale e medico
  • Bambini africani in edificio
  • Bambino lavato da madre
  • Medico e bambino contento su bilancia
Visita bambini in fila

La salute è la chiave per un mondo salvo, in cui crescere e sviluppare le proprie capacità. Per questo Amref Health Africa promuove progetti di salute nelle aree più isolate dell'Africa. A quasi 60 anni dalla sua fondazione, oggi Amref è la più grande organizzazione sanitaria africana che opera nel continente.

La salute del mondo passa per l'Africa. Il secondo continente più popolato al mondo è il più arretrato in fatto di salute. La tutela di madri e bambini, la lotta alle malattie endemiche e alle pandemie, l'accesso all'acqua pulita, la formazione di operatori sanitari locali, il rafforzamento dei servizi sanitari pubblici sono passaggi essenziali per rendere l'Africa sana.

Da sempre, per Amref, la salute nasce all’interno delle comunità locali. È attraverso il coinvolgimento attivo delle popolazioni, del personale locale e dei sistemi sanitari pubblici che si realizzano miglioramenti a lungo termine. Per questo i protagonisti del cambiamento sono i beneficiari stessi degli interventi e il 97% del personale che lavora con Amref in Africa è africano. Perché siano gli Africani, ogni giorno, a prendersi cura dell’Africa.

Oggi Amref opera in 35 Paesi a sud del Sahara con oltre 160 progetti di promozione della salute. Attraverso centri sanitari e unità mobili garantisce assistenza medica alle popolazioni nomadi e rurali. Le cure degli operatori Amref arrivano anche lì dove nessuno può andare, nelle aree estremamente isolate e rurali, grazie ai Flying Doctors, "Dottori Volanti" che portano assistenza medica e formazione a bordo di piccoli aerei attrezzati come unità mobili.

Amref fa emergere soluzioni africane ai problemi africani, soluzioni che nascono da dentro, dal cuore delle comunità, che sono le protagoniste e non solo le beneficiarie dei progetti. Infatti:

  • negli ultimi 5 anni più di 10.000 operatori sanitari, provenienti da 33 paesi africani sono stati formati da Amref per fornire servizi a oltre 20 milioni di persone;
  • nel 2014 sono stati 6.924.204 gli uomini, donne e bambini che hanno partecipato ai progetti dell'organizzazione
La rete internazionale Amref, oltre che in Africa, è attiva in Europa, Stati Uniti e Canada, attraverso 11 sedi. In Italia Amref è presente dal 1987. Forti dell'esperienza nelle comunità africane, dove malattie e carenze di personale sanitario sono sfide grandi e quotidiane, Amref mantiene uno sguardo attento anche sulla realtà italiana: in un mondo aperto e globalizzato, bisogni e diritti non si fermano dinanzi ad un confine geografico.

In Italia, sin dagli anni '90 Amref ha lanciato per prima la sfida di una comunicazione positiva sull’Africa, che ne mettesse in risalto le potenzialità e le ricchezze e ne consolidasse la visione di “terra delle soluzioni” e non solo dei problemi. È nata così nel 1994 la fortunata partnership con Giobbe Covatta, che ha dato voce e volto ad alcune delle più belle campagne dell’organizzazione, coniando l'ormai celebre slogan "Basta poco, che ce vo'?", entrato poi nel parlare comune. Forte è l'impegno nelle scuole per percorsi di educazione alla cittadinanza mondiale, l'attività di advocacy e le campagne di sensibilizzazione e informazione.




Riconoscimenti


Nel 1999 Amref ha vinto il Conrad Hilton Foundation Humanitarian Award, prestigioso riconoscimento mondiale conferito annualmente a un’organizzazione umanitaria non governativa, “per essersi particolarmente distinta nell’alleviare le sofferenze umane e per rappresentare un modello ed un esempio di organizzazione capace di favorire uno sviluppo reale e sostenibile ”.

Nel 2005 è stata insignita del Bill and Melinda Gates Award per la salute globale con questa motivazione: “Amref è più che una voce in Africa. È azione: atti di compassione, di intelligenza, che perseguono obiettivi. Ha appreso come si può migliorare veramente la salute in Africa chiedendo direttamente agli africani cosa fare e come farlo al meglio”.

Iscriviti alla nostra newsletter

ISCRIVITI