Il progetto vuole ridurre l’incidenza delle malattie legate alla mancanza di acqua pulita e di servizi igienico-sanitari e dei contagi da COVID-19 attraverso servizi idrici e igienico-sanitari adeguati nelle strutture sanitarie di Nolo e Nkumaniza, nel distretto di Chikwawa.

Nonostante il Malawi preveda che ogni struttura sanitaria sia dotata di impianti per l’acqua corrente, ad oggi quelle di Nolo e Nkumaniza utilizzano l’acqua che il personale ospedaliero preleva dai pozzi posti nelle vicinanze e immagazzina nei secchi.

Questa situazione comporta un grave rischio per la salute dei pazienti, in particolare di donne e bambini, e crea terreno fertile per lo scoppio di focolai legati alle malattie causate dalla mancanza di servizi di acqua pulita e servizi igienico-sanitari, per la diffusione delle infezioni e per un aumento della mortalità materna e neonatale.

Il progetto si propone, da un lato, di migliorare l'accesso e l'uso di acqua pulita e di servizi igienico-sanitari nelle strutture sanitarie di Dolo e Nkumaniza e nelle comunità emarginate del distretto di Chikwawa in Malawi, con un focus particolare su donne e bambini; dall’altro, di aumentare gli standard di prevenzione e controllo delle infezioni nelle strutture sanitarie. 

Alcune attività del progetto

  • Installazione di un sistema idrico in ogni struttura sanitaria attraverso l’installazione di un serbatoio d'acqua, un sistema solare e una pompa d'acqua. Migliorando l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari, si migliorerà lo stato di salute di donne e bambini. Inoltre, la loro sostenibilità economica sarà rafforzata attraverso una maggiore produttività, che avrà un impatto positivo sulla vita a livello familiare.
  • Formazione della comunità sull’utilizzo dei sistemi di gestione e di manutenzione installati per renderle autonome e sostenibili. La tecnologia utilizzata per fornire acqua pulita e sicura è stata studiata per garantire costi di mantenimento ragionevoli.  
Grazie al sostegno di: