Il World Malaria Day, istituito nel 2007 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si commemora in tutto il mondo il 25 aprile ed è dedicato alla prevenzione e alla cura di questa malattia. Zero malaria starts with me (Zero malaria inizia con me) è lo slogan della campagna sostenuta dall'edizione 2020 della Giornata mondiale della malaria.

La malaria è una malattia infettiva e potenzialmente mortale, trasmessa dalle zanzare femmina della specie Anopheles. Ogni minuto, un bambino muore a causa di questa malattia. Ma è prevenibile.

Secondo il World Malaria Report, pubblicato dall'OMS nel 2019, tra il 2000 e il 2014 il numero di decessi per malaria è diminuito del 40% in tutto il mondo. Tuttavia, è bene non abbassare la guardia.

Infatti, nonostante questi progressi, nel 2019 l'OMS ha stimato 228 milioni di casi di malaria e 405.000 decessi, a livello globale. In questo scenario, i bambini di età inferiore a 5 anni hanno rappresentato il 67% (272.000) di tutti i decessi per malaria nel mondo. Inoltre, il 93% dei casi (213 milioni) e il 94% dei decessi si è verificato nella Regione africana dell'OMS. In solo sei Paesi si sono verificati oltre la metà dei casi di malaria di tutto il mondo: Nigeria (25%), Repubblica Democratica del Congo (12%), Uganda (5%), Costa d'Avorio (5%), Mozambico e Niger (4% ciascuno).

Per questi motivi, Amref Health Africa si impegna a supportare le comunità a rischio nella lotta per prevenire la malaria. Infatti, Amref supporta i governi nell'adozione e nell'ampliamento di interventi sicuri e ad alto impatto, come le ITN (zanzariere trattate con insetticidi) e la diagnostica per rafforzare la lotta contro la malaria. Inoltre, incoraggia continuamente le comunità a migliorare la prevenzione e la gestione della malattia, ed è coinvolta nella ricerca per lo sviluppo di insetticidi più sicuri.

Sono molto grato per ciò che hanno fatto Global Fund, Amref Health Africa e KNEAD, afferma Julius Ojembo, operatore sanitario della comunità (CHW) nella Contea di Kisii. Grazie a loro, sono stato formato adeguatamente e ora posso salvare la vita a molte persone all'interno della mia comunità. Grazie all'mLeaning, ora sono preparato sulla gestione della malaria e altre malattie, come la Tubercolosi e l'HIV.

Come Julius, anche Salome Awiti, dalla Contea di Kisumu, dichiara di essere molto fiero del suo ruolo da CHW. La mia comunità mi conosce grazie ai controlli che faccio a domicilio, per la malaria, continua. Mi dà molta soddisfazione poter aiutare la mia comunità nella lotta contro la malaria, che purtroppo colpisce molte persone, specialmente donne incinta e bambini. Infatti, queste due categorie sono le più vulnerabili e le più colpite dalla malaria, considerato che il loro sistema immunitario è più debole rispetto a quello di altri gruppi di individui.

Amref investe nella lotta contro la malaria per garantire il potenziamento degli interventi, per rafforzare il continente africano nella speranza di raggiungere una copertura sanitaria universale.